lunedì 7 gennaio 2013

Considerazioni sul Concilio


di Francesco Agnoli

Nel recente Sinodo dei vescovi, da poco concluso, il Card. Wuerl Arcivescovo di Washington, ha dichiarato tra le altre cose: “la situazione attuale affonda le sue radici proprio negli sconvolgimenti degli anni ‘70 e ‘80, decenni in cui esisteva una catechesi veramente scarsa o incompleta a tanti livelli di istruzione. Abbiamo affrontato l’ermeneutica della discontinuità che ha permeato gran parte degli ambienti dei centri di istruzione superiore e che ha avuto anche riflessi in aberrazioni nella pratica della liturgia. Intere generazioni si sono dissociate dai sistemi di sostegno che facilitavano la trasmissione della fede. È stato come se uno tsunami di influenza secolare scardinasse tutto il paesaggio culturale, portando via con sé indicatori sociali come il matrimonio, la famiglia, il concetto di bene comune e la distinzione fra bene e male. In un modo tragico poi, i peccati di pochi hanno incoraggiato una sfiducia in alcune delle strutture insite alla Chiesa stessa. (cf Instrumentum laboris n. 69, n. 95, n. 104). La secolarizzazione ha modellato due generazioni di Cattolici che non conoscono le preghiere fondamentali della Chiesa. Molti non percepiscono il valore della partecipazione alla Messa, non ricevono il sacramento della penitenza e spesso hanno perso il senso del mistero o del trascendente come se avesse un significato reale e verificabile”. Quella di Wuerl è stata certamente una delle prese di posizione più energiche, che non può essere elevata a cifra del Sinodo, ma che comunque mi sembra dimostrare un fatto: il tempo dei trionfalismi e degli ottimismi a buon prezzo volge al termine. Quantomeno perché mancano i numeri (nelle chiese e nei seminari). E perché, come ha detto appunto Wuerl, la Chiesa sembra oggi divisa più che mai. [leggi tutto]

© Libertà e Persona

5 commenti:

matteo tassinari ha detto...

Ciao, all’inizio dell’anno m’ero iscritto al tuo Blog, ma vedo che dopo diversi giorni d’attesa non c’è stata corrispondenza con la tua libera iscrizione nel mio blog (matta-mattax.blogspot.it).

Quindi per timore di non essere gradito mi disiscrivo togliendomi dai tuoi “lettori preferiti” e chiedendoti scusa per il disturbo.

Se ti iscriverai nel mio blog, stai certo o certa, che mi iscriverò immediatamente nel tuo, appena vedrò la tua iscrizione, senza problemi e con totale libertà (mi pare scontato questo), tuttavia è sempre bene evidenziarlo.

Anche se in netto ritardo, ti auguro bel 2013.

Ciao, Matteo.

silvio ha detto...

Ma no iscriviti pure. Non sei affatto sgradito.
Per assoluta mancanza di tempo, mi limito a postare: non riesco più a stare dietro al discorso delle iscrizioni.
Buon anno anche a te.

sergio ha detto...

Ma che discorsi sono? Lite tra bottegai? Se tu compri da me allora io,compro da te e se no, no. Non riesco a capire questi ragionamenti e comportamenti infantili.

silvio ha detto...

Qua non ci sono bottegai… tutt’al più giornalai.
A Se’ te possino…

sergio ha detto...

A proposito di concilio,ho letto un bell'articolo su una rivista cattolica francese che parla positivamente del concilio ma senza i toni retorici e tromboneschi, e immotivati, se si guarda alla realtà che ci circonda. Un articolo su ciò che il concilio avrebbe potuto dare e forse potrebbe dare se non ci fossero opposti estremismi a renderlo inefficace. Un progetto non realizzato o forse fallito? Il che sarebbe positivo o no? Insomma, da discutere e riflettere. Parlo come oppositore dello "spirito del concilio" ma non posso dimenticare i momenti che ho vissuto attorno al 1963-65 in cui le novità erano solo lievito e non chiassose fumisterie. Novità sobre,meditate, e poche. Se vi interessa: http://www.lavie.fr/sso/blogs/post.php?id_blog=4552&id_post=2275