venerdì 9 luglio 2010

È possibile prescindere da Langone?


«Ha ragione Umberto Eco: “Dante era un intellettuale di destra (pensate, predicare il ritorno all’Impero mentre stavano fiorendo i liberi comuni!)”. Ma nella sua affermazione c’è un errore di grammatica: Dante non era (tempo imperfetto), Dante è (tempo presente) un intellettuale di destra. Dante è vivo ed è lui che ogni giorno mi sprona a combattere il multietnico (“diverse lingue, orribili favelle”), il multireligioso (“dei falsi e bugiardi”), il globalismo (“Pluto, il gran nemico”), i costruttori di grattacieli (“principio del cader fu il maladetto superbir”), i negatori dell’inferno (“Dio vuol che ‘l debito si paghi”), Vito Mancuso (“seminator di scandalo e di scisma”).»
Camillo Langone, © Il Foglio
***
silvio

3 commenti:

Idea della Fede ha detto...

Langone è un grande. la sua risposta di qualche giorno fa a Vito Mancuso è stupenda. lo leggo sempre volentieri, dovrebbe scrivere un libro con i suoi articoli, meritano maggior diffusione.

silvio ha detto...

Sì, l’ho letta.
Anzi, per chi volesse leggerla, si trova qui: http://www.ilfoglio.it/soloqui/5629

Riccardo ha detto...

Peccato che ci sia un solo Langone. Dovremmo darci da fare per portarne altri.