giovedì 10 giugno 2010

Frutti saporiti


Ebbene sì, qualche frutto dell’Anno sacerdotale - o semplicemente della cultura che sta mutando - lo si vede.
Il cartello nella foto è stato apposto per espressa volontà dell’arcivescovo di Bologna, Carlo Caffarra, nella Cattedrale cittadina di San Pietro. È inutile presentare Carlo Caffarra. Le sue iniziative ortodosse in soccorso di una Chiesa tiepida sono note.
Non è il solo prelato o sacerdote che segue le direttive di Benedetto XVI. Sul sito Pontifex ne passano parecchi; ed è solo un esempio. Certo, il cattolicesimo adulto è talmente diffuso ed incastonato nell’orbe ecclesiale che, per il momento, questi sono solo palliativi.
Ma ho il presentimento che i nomi di coloro che adesso si battono saranno incisi a lettere d’oro nel Libro della Vita.
***
silvio

2 commenti:

il soffitto di casa mia ha detto...

In una chiesa ho trovato un cartello di fronte al quadro di una santa. In poche parole dice che chi vuole accendere un lumino deve fare un'offerta fissa di cinquanta cent, "Altrimenti non vale".
E se io non avessi i 50 cent ma volessi lo stesso accendere un lumino? La santa non ascolta la mia preghiera?

silvio ha detto...

Ma certo, carissima Chiara, i santi ascoltano le preghiere di tutti. Poi, se si ha piacere, si offre quello che si ha: anche una buona intenzione o una preghiera. Non perché i santi vogliano un contraccambio, ma per cercare di imitarli nella gratuità del donare.