mercoledì 2 dicembre 2009

Colpo di Stat(i)

Allora, ieri è entrato in vigore il Trattato di Lisbona.

Qualcuno se n’è accorto? Direi quasi nessuno, perché la sedizione dev’essere fatta in modo occulto. Dev’essere notturna, silente, laconica.

E la Costituzione italiana, che i risorgimentali fanno finta di difendere per distrarre l’attenzione? Non vale più nulla. Tutto sarà deciso da un’oligarchia non eletta di formazione non propriamente cristiana, ascesa al potere in modo non propriamente democratico e formatasi in istituti non propriamente retti dalle orsoline.

E la Chiesa? L’Osservatore Mondano di oggi non dà un cenno di critica. Sembra aver perso tutta la foga di quando difende i minareti a spada tratta. Tutto giulivo, un anonimo articolista ci informa che finalmente «l'Europa ha voltato pagina».

Adesso la massoneria, per mezzo del Parlamento europeo, «acquisirà un potere determinante nel varo di norme - da quelle sull'agricoltura a quelle sull'immigrazione, il bilancio e i fondi strutturali - che sono sempre state fuori dal suo campo di competenza».

Addirittura «sarà ridimensionato il diritto di veto» di ogni singolo Paese.

Bocciato più volte per via referendaria, ora ci ritroviamo un Trattato sul groppone. L’Europa reale non vuole (lo dice il voto e l’evidenza) né trattati atei, né minareti. Ma la massoneria ha bisogno di sudditi e dei loro danari.

***

silvio

6 commenti:

jonathan ha detto...

E pensare che, ad una lettura -confesso distratta e superficiale - m'era parsa una buona cosa. E invece c'è il trucco? mi piacerebbe capire. Perché parli di massoneria? Su che basi è riconoscibile la sua firma? E perché non se ne parla? Insomma, esistono i fantasmi, o forse non sono affatto fantasmi?

Bè, domande sceme, lo so. Ma più leggo roba sulla massoneria, e più non la capisco.

silvio ha detto...

Benvenuta Jonathan.
Le tue domande e considerazioni non sono mai sceme, né banali. Anzi, sono uno sprone all’approfondimento.
Mi riferivo alla Massoneria guardando specialmente al quadro storico degli ultimi duecento anni. Il discorso è molto esteso: lo riassumo.
Dietro le grandi rivoluzioni - francese, americana, italiana (così recentemente alcuni storici chiamano il Risorgimento) - c’è stata la costante e infaticabile opera delle sette segrete (massoneria, carboneria, protestantesimo, talmudismo, ecc…).
Non è audace concludere che la fondazione dell’Europa moderna sia stata anche la realizzazione di un preciso progetto sovversivo, teso alla distruzione della cultura e della società cristiana.

La Chiesa stessa è stata semidistrutta - cessazione del potere temporale nel 1870 - e la maggior parte dei riferimenti alla grande civiltà cristiana cancellata.
Le responsabilità, ormai, sono state abbondantemente messe in luce dalla rinascita dell’apologetica cristiana, innescata da Vittorio Messori negli anni ’70 e continuata da una moltitudine di autori e scrittori (Cammilleri, Pellicciari, de Mattei, Introvigne… l’elenco è lunghissimo).

In epoca contemporanea, le cose non sono migliorate: il potere è saldo nelle mani di potentissime lobby (gruppi di potere), lontanissime dal sentire cattolico e sorrette dal solito potere occulto delle logge. Molti politici, oggi, sono affiliati alla massoneria.
A sostegno di questa lettura c’è una produzione editoriale carente nel passato, ma ormai massiccia.
Per approfondire, ci sono varie pubblicazioni redatte dagli autori che ho citato. Se eventualmente sei interessata ti segnalerò alcuni titoli.
Ti segnalo un articolo nel quale è un po’ riassunta la situazione: http://www.disinformazione.it/massoneriagovernaeuropa.htm
Ciao

jonathan ha detto...

Grazie, Silvio per il riassunto comodissimo.

Andrò a guardare il link che mi segnali, ma sì, mi piacerebbe avere indicazioni bibliografiche 'sicure', voglio dire, già testate dalla tua lettura certo più competente e consapevole della mia. Quando puoi, ovvio.

Ciao, Silvio

silvio ha detto...

ok
preparo una piccola lista

silvio ha detto...

Cara Jonathan, ho trovato interessanti questi libri che ho letto per intero o parzialmente:

- Vittorio Messori: tutta la serie di 4 libri della collana Vivaio (sugarco)
- Rino Cammilleri, “Il Kattolico” (volume 1 e 2), Sugarco
- Rino Cammilleri, “I mostri della ragione”, Ares
- Rino Cammilleri, “L’ultima difesa del Papa re. Elogio del Sillabo”, Piemme
- Massimo Introvigne, “Il segreto dell’Europa. Guida alla riscoperta delle radici cristiane”, Sugarco
- Massimo Introvigne, “Il dramma dell’Europa senza Cristo. Il relativismo europeo nello scontro di civiltà”, Sugarco
- Franco Cardini, “Le radici perdute dell’Europa. Da Carlo V ai conflitti mondiali”, Mondadori
- V Mattioli, “Massoneria e comunismo contro la Chiesa in Spagna (1931-1939)”, Effedieffe
- Maurizio Blondet, “Schiavi delle banche”, Effedieffe
- Angela Pellicciari, “Risorgimento ed Europa. Miti, pericoli, antidoti”, Fede & Cultura
- Angela Pellicciari, “L’altro Risorgimento. Una guerra di religione dimenticata”, Piemme
- Angela Pellicciari, “Risorgimento da riscrivere. Liberali e massoni contro la Chiesa”, Ares

In commercio ce ne sono molti altri, politicamente scorretti, che affrontano la storia d’Europa moderna e contemporanea.
È validissima anche la rivista di apologetica Il Timone e Cristianità di Alleanza Cattolica.
Un saluto

jonathan ha detto...

Grazie, mi sarà di grande aiuto.