martedì 11 agosto 2009

Contra legem sarracenorum

Non solo San Francesco, ma pure Santa Chiara ebbe a che fare con i Saraceni.

Al pari di San Francesco non se li coccolò. Non disse loro che li tollerava. Non gli costruì una moschea o un minareto.

Un venerdì di settembre del 1240 i Saraceni - inviati da Federico II - assaltano San Damiano in Assisi. Santa Chiara non esita a mostrare loro una pisside con l’Ostia consacrata, durante l’assedio alle mura della città. Così la santa si rivolge a Dio: «Ecco, o mio Signore, vuoi tu forse consegnare nelle mani dei pagani le inermi tue serve, che ho allevato per il tuo amore?». A quelle parole una luce radiosa colpì i Saraceni che, spaventandoli, li costrinse alla fuga.

I pagani vanno amati, ma non se ne possono tollerare i costumi mondani. Bisogna pregare, in particolare, per la loro conversione.

***

silvio

2 commenti:

hayalel ha detto...

fa sempre piacere vedere che qualcuno ancora riesce a non essere così schifosamente politically correct (o hypocritically correct). Preghiamo per i pagani e per i nostri fratelli veneranti la bandiera arcobaleno.

silvio ha detto...

Tanto più che i santi non erano contra sarracenorum, ma contra “legem” sarracenorum.
Provo pena per i popoli sotto la legge del fanatismo islamico o indù o talmudico.