venerdì 13 marzo 2009

Zizzania postconciliare

E, sempre a proposito di fratelli che trattano da cani altri fratelli, casca a fagiolo l’ultima lettera del Papa ai Vescovi.

Viene ribadita la teologia della continuità: non esiste una Chiesa preconciliare contrapposta ad una Chiesa postconciliare. C’è una sola Chiesa, che perdura nei secoli. Il Vaticano II, insomma, non è “il” Concilio, ma “un” Concilio. Uno dei tanti della Chiesa.

«Chi vuole essere obbediente al Concilio, deve accettare la fede professata nel corso dei secoli e non può tagliare le radici di cui l’albero vive», dice Benedetto XVI ai progressisti.

E con i lefebvriani si insiste per l’accettazione del medesimo.

Niente di nuovo, se non la «valanga di proteste» seguita alla remissione della scomunica - proveniente dai noti seminatori di zizzania - che ha rattristato il Papa.

***

silvio

2 commenti:

roberto ha detto...

il 21esimo per l' appunto e non gia' il primo dell'era moderna.

Anonimo ha detto...

io