giovedì 31 luglio 2008

Eh Guareschi!

«... Ambedue vogliono fare giustizia ai poveri, anzi si potrebbe pensare che il cristiano deve essere marxista. Questo è stato un asserto che è stato ed è ancora oggi in uso in molti. Ma allora quale è la differenza? Il cristiano vede nel povero il Cristo, mentre il marxista no! Attenzione però che a questo punto il cristiano potrebbe apparire soltanto un visionario ed ancora non esserci nessuna differenza tra lui ed il marxista...»
Colgo al volo questa frase dall'
articolo del dott. Piepoli , per citare un libro che sto leggendo: "Il catechismo secondo Guareschi" - PIEMME - scritto da Alessandro Gnocchi, e recentemente distribuito dal quotidiano Libero. Questo è il lucido commento al racconto "vennero per suonare e tornarono salati". Scritto dal grande Guareschi, nel quale don Camillo è alle prese con un pretino progressista che odia i ricchi e sceglie i poveri. [leggi tutto]
***
roberto

Ecumenismo correttamente inteso

Devo confessare che alcune posizioni teologiche e pastorali espresse dal cardinale Walter Kasper, impegnato sul fronte del dialogo cattolico con il resto della cristianità (protestanti e ortodossi) e con le altre religioni (islam ed ebraismo), mi avevano lasciato una certa perplessità.
Non oggi, però, dopo aver letto un suo intervento, circa la pesante crisi che sta attraversando la comunione della Chiesa (o meglio: comunità ecclesiale) d’Inghilterra.
Finalmente leggo un testo del porporato dove si persegue un ecumenismo non a tutti i costi, ma si stigmatizzano chiaramente alcune scelte anglicane: sacerdozio femminile, benedizione di unioni omosessuali, accesso all’episcopato di persone omosessuali, ecc…
Insomma, Kasper dice chiaramente: «Ora sembra che la piena comunione visibile quale fine del nostro dialogo abbia fatto un passo indietro, che il nostro dialogo avrà obiettivi meno definitivi e quindi che il suo carattere ne risulterà alterato
Merita leggere l’intero
articolo.
***
silvio

mercoledì 30 luglio 2008

“L’identità cristiana nell’impegno sociale”

Il collega Vito Piepoli ci invia un articolo sul non senso della dicotomia tra la dimensione religiosa del cristiano e quella temporale e sociale. [leggi tutto]
***
silvio

Non molto, ma è già qualcosa

«L'unità in Cristo del corpo locale come di quello ecclesiale attraverso l'Oecumene non può tollerare divisioni o conflitti; ogni divisione del corpo ecclesiale offende il suo Capo divino e rende i doni dello Spirito Santo inefficaci per coloro che sono causa della divisione o per quelli che sono indifferenti a essa».
Così parlò Bartolomeo I, Patriarca ecumenico di Costantinopoli, durante una liturgia concelebrata assieme ad Alessio II (Patriarca di Mosca e di tutta la Russia), all'Arcivescovo di Atene Hieronymos, all'Arcivescovo di Tirana Anastasios e al metropolita di Kiev Vladimir.
Insomma, Bartolomeo I mi sembra uno dei pochi(ssimi) patriarchi ortodossi a rendersi conto dell’importanza di presentare al mondo la Chiesa come Una. [leggi tutto]
***
silvio

martedì 29 luglio 2008

“1968: dopo il diluvio, la luce”

A proposito della recensione di Roberto sul libro di Enzo Peserico "Gli anni del desiderio e del piombo - Sessantotto terrorismo e rivoluzione" (Sugarco Edizioni, 244 pagine, 18 Euro), il giornalista e scrittore Antonio Gaspari recensisce a sua volta l’opera.
Antonio Gaspari è redattore dell’Agenzia Zenit e collabora con varie testate (Avvenire, Tempi, Il Domenicale, Il Timone, ecc…).
Riporto l’articolo: © Zenit.
***
silvio

sabato 26 luglio 2008

Pensiero della Domenica - 54

A cura del sito “Vie dello Spirito

XVII^ del Tempo Ordinario - 27/07/2008

Il Regno dei cieli è simile a un tesoro nascosto nel campo

Con le parabole del tesoro nascosto e della perla preziosa, Gesù invita a dare il giusto valore tra le cose del mondo e il regno di Dio.
I veri discepoli lasciano ogni cosa per il Signore, anche a prezzo di rinunzie, perché il Vangelo sia vissuto.
“Il Regno dei cieli è simile a un tesoro nascosto in un campo”.
L’Evangelista Matteo evidenzia come l’uomo che lo scopre viene colmato di grande gioia e vende tutto quello che ha pur di possederlo. [leggi tutto]
***
Don Lucio Luzzi

venerdì 25 luglio 2008

Speciale “Humanae vitae”

Esattamente quarant’anni orsono - 25 luglio 1968 - Paolo VI esponeva il proprio magistero petrino circa l’etica della vita coniugale, mediante l’enciclica Humanae vitae.
Più che il contenuto della stessa, sono note le polemiche serpeggiate fuori e dentro la Chiesa all’indomani della pubblicazione.
Non vi dico le proteste: raccolta di firme da parte di teologi, contestazioni furibonde, episcopati in difficoltà, crisi della teologia morale, seminari in ebollizione…
La verità è che «
l’uomo non può trovare la vera felicità, alla quale aspira con tutto il suo essere, se non nel rispetto delle leggi iscritte da Dio nella sua natura e che egli deve osservare con intelligenza e amore». (HV n.31)
Non c’è modo migliore di festeggiare la ricorrenza, offrendovi quattro articoli freschi freschi, da L’Osservatore Romano.
***
silvio

martedì 22 luglio 2008

Ruini docet

Un cardinale Camillo Ruini più in forma che mai quello che, da qualche giorno, scrive sui giornali.
Le cose più notevoli le ha riferite, da quel che posso capire, a Il Foglio. Ma degna di nota è pure la risposta su Avvenire ad un articolo di Aldo Schiavone su La Repubblica.
Riassumo gli argomenti che ritengo siano da sottolineare, per meglio intendere alcune importanti questioni (anche teologiche). Mi limito all’articolo de Il Foglio: [leggi tutto]
***
silvio

domenica 20 luglio 2008

giovedì 17 luglio 2008

Il mio psicologo si chiama Gesù

Sono molto contento di presentare questo libro scritto dal giornalista sportivo Carlo Nesti, che ho il piacere di conoscere da molti anni per motivi di lavoro. Nesti trasporta la sua esperienza di fede con quella bravura e serietà che lo contraddistinguono e lo fanno amare dal grande pubblico sportivo.

Riporto la sua personale presentazione tratta dal sito Nesti Channel.
***
roberto

mercoledì 16 luglio 2008

Finalmente, da dove meno te l’aspetti…

Stavolta Adriano Celentano mi sorprende in positivo.
Ha capito che il compito del cristiano è pregare per la guarigione.
E chi prega ottiene: «solo attraverso la fede succedono le cose più grandiose».
Ha capito, insomma, il valore del thalita kum di Gesù.
Spero che il Signore gli risponda: «Davvero grande è la tua fede! Ti sia fatto come desideri». (Mt 15, 28).
***
silvio

martedì 15 luglio 2008

“La pienezza della felicità secondo san Bonaventura”

Oggi la Chiesa celebra la memoria di San Bonaventura da Bagnoregio.
Il Centro Studi Bonaventuriani, da parecchio tempo, usa riunirsi nel mese di giugno proprio a Bagnoregio, per un’incontro su una delle molte tematiche teologiche proposte dal santo.
Fortunatamente, quest’anno, L’Osservatore Romano riporta l’intervento (pronunciato durante l’incontro) del professor Alessandro Ghisalberti, ordinario di Storia della filosofia medievale alla Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano.
Di seguito lo segnalo.
***
silvio

lunedì 14 luglio 2008

Thalita kum

Di certo è da ammirare l’umiltà del cardinale Dionigi Tettamanzi che, dinnanzi alla moribonda Eluana Englaro, non se la sente di pronunciare le parole di Gesù: Thalita kum, fanciulla, io ti dico, alzati! Solo Gesù, scrive il cardinale, ha potuto dire questo alla già defunta figlia di Giairo.
Non gli do torto. Se addirittura dinnanzi ad un morto egli pronunciasse queste parole - il cardinale ne è evidentemente convinto - il morto medesimo non si sveglierebbe.
E lo stesso vale per me: nella medesima situazione, dinnanzi a me, il morto continuerebbe a restare cadavere. Non ci piove. [leggi tutto]
***
silvio

Fiuggi film festival

TUTTI AL FIUGGI FAMILY FESTIVAL
28 luglio – 3 agosto

di Franco Olearo (
www.familycinematv.it/index.php)

Il Festival è stato specificatamente organizzato con la finalità di realizzare, nel miglior modo possibile, un rapporto diretto con il pubblico, evitando che la scelta dei film resti nelle esclusive mani degli addetti del settore, come accade comunemente negli altri festival. [leggi tutto]
***
Luca

domenica 13 luglio 2008

Pensiero della Domenica - 52

A cura del sito “Vie dello Spirito

XV^ del Tempo Ordinario - 13/07/2008

La parabola del seminatore

La Liturgia in queste domeniche ci proporrà delle parabole raccontate dal Maestro.

I testi sono presi sempre dall’evangelista Matteo.
Esce di casa, va verso il lago, sale in barca, si mette seduto ed inizia a parlare alla folla che lo aveva raggiunto.
E racconta la parabola
del seminatore.
“Parabola”
, voce greca che significa “paragone”. Si tratta cioè di similitudini attinte dalla vita vissuta (a differenza delle favole, che narrano cose inverosimili). [leggi tutto]
***
Don Lucio Luzzi

lunedì 7 luglio 2008

Vicina la beatificazione di un martire istriano

In Istria, ma anche a Trieste, si vive una grande gioia.
Benedetto XVI, il 3 luglio, ha firmato il decreto di beatificazione del «Servo di Dio Francesco Bonifacio», come riporta un articolo su Il Piccolo.
Il vescovo di Trieste, Eugenio Ravignani, ha già espresso «grande gioia» al tanto atteso annuncio. Atteso dopo più di cinquant’anni dall’avvio della causa di beatificazione. [leggi tutto]
***

silvio

martedì 1 luglio 2008

Inoltre…

… un florilegio di articoli che vi segnalo. Buona lettura. [leggi tutto]
***
silvio

Apertura Anno Paolino

Di seguito riporto i discorsi di Benedetto XVI e quello del Patriarca di Costantinopoli Bartolomeo I, in occasione dell’apertura dell’Anno Paolino. [leggi tutto]
***
silvio